PREGONI E REBL SCANDALIZZANO IL PITTI FRAGRANZE CON PI-SCIANEL

PI_SCIANEL_001

 

PI_SCIANEL_001

Una performance di dubbio gusto, ma dall’impatto immediato quella che il Naso Angelo Orazio Pregoni e lo stilista Tom Rebl hanno messo in scena al Pitti fragranze per la presentazione del profumo PI-SCIANEL

Impossibile non andarci, soprattutto, se nell’invito di presentazione del nuovo profumo leggi che si tratterà di una: “esibizione fuorilegge”e se sai che a condurre i giochi saranno Angelo Orazio Pregoni, eccentrico artista contemporaneo nonché innovativo Naso e Tom Rebl, visionario fashion designer.

Ed infatti le attese non sono andate perdute dal momento che i due artisti hanno dato vita, in quel del Pitti Fragranze 12, il salone-evento della profumeria internazionale, ad una performance che chiamare “inusuale” è dire poco!

Pregoni, ci aveva già abituato alle sue eccentricità, ma quella elaborata per il Pitti fragranze 12, ha dell’incredibile.

I due artisti si sono infatti presentati con due confezioni del classicissimo Chanel N° 5, le hanno vuotate in un’ampolla e addizionate da PEETY,  opera d’arte concettuale sotto forma di profumo personalizzabile con 10 gocce di pi pì. Con l’aggiunta della propria urina al famoso profumo francese, i due artisti hanno, dunque, realizzato le rispettive fragranze N°1 PI-SCIANEL Profumo ANGELO ORAZIO PREGONI e N°2 PI-SCIANEL Profumo TOM REBL.

Diciamo che se Pregoni rifugge, da sempre, le logiche di marketing e comunicazione tradizionali (le definisce logore e banali), con questa performance è riuscito nel’ ennesima provocazione la cui morale è da ricercarsi nel messaggio volutamente indirizzato al popolo del lusso: basta con i totem e basta con i dogmi. Per lui nulla è intoccabile, così come nulla è immutabile, neanche quello che agli occhi di tanti è il profumo per eccellenza, ovvero Chanel n° 5.

Per inciso, il giorno successivo alla performance gli esemplari unici di N° 1 PI-SCIANEL Profumo ANGELO ORAZIO PREGONI e N° 2 PI-SCIANEL Profumo TOM REBL sono stati rubati” per la gioia di Pregoni che ha dichiarato: “l’arte non la fa l’artista, ma chi la fruisce, chi interagisce con l’opera, in qualunque modo questo accada. Anche rubandola!” 

Detto questo ci piacerebbe sapere come l’hanno presa in casa Chanel!

[wzslider]

 

Videos, Slideshows and Podcasts by Cincopa Wordpress Plugin